Halloween nel mondo: Come viene celebrato?


28 October 2019 | Guide e recensioni
Halloween nel mondo: Come viene celebrato?

In Italia, anche se da meno di vent'anni, Halloween viene celebrato prima dei due giorni "ben più seri" dedicati ai defunti e alle visite al cimitero con travestimenti mostruosi, dolcetti e scherzetti che coinvolgono adulti e bambini, aperitivi e party in discoteca che durano fino alle prime ore dell'alba, ma come viene festeggiato nel resto del mondo? E' certamente una delle usanze nel mondo più bizzarre e particolari ed è per questo motivo anche tra le più amate sopratutto dai più giovani.

Halloween nel mondo: Come viene festeggiato

Quest'anno noi di CodiceRisparmio, lasciati da parte i travestimenti, le decorazioni e le idee per festeggiare Halloween a casa (soprattutto se fuori le temperature scendono sotto gli zero gradi), abbiamo deciso di indossare il nostro cappello da esploratori e di andare alla scoperta delle tradizioni di Halloween più insolite e di vedere anche come viene festeggiato in Africa, in Asia, in Australia, nelle Americhe e nel resto d'Europa.

E, tornati dal nostro viaggio intorno al mondo, abbiamo deciso di raccontarti i modi più curiosi di festeggiare Halloween che, oltre a lasciarci di stucco, abbiamo deciso di scrivere in questa guida.

E chi lo sa, magari tanto per cambiare, invece di zucche e di fantasmi, potresti prendere spunto da queste feste per organizzare il tuo party di Halloween unico e originale. Ricordati però: i dolci devono essere sempre presenti, altrimenti i bambini, o i ragazzi, che verranno a visitarti, ti faranno comunque uno scherzetto! Dunque sei pronto a partire per questo viaggio che ti farà scoprire tutti i segreti della notte di Halloween?

 

1.Messico: Dìa de los Muertos

Se hai già visto il film d'animazione Coco, di sicuro sarai rimasto colpito dal rapporto che i messicani hanno con la morte e dal modo con cui celebrano i loro defunti: ebbene, anche se in un primo momento potrebbe sembrare soltanto una fantasia uscita dagli studi della Pixar e della Disney, in realtà è tutto vero.

In Messico, ma anche in alcune regioni della Spagna, dal 31 ottobre al 2 novembre si tengono i famosi Dìa de los Muertos, dove le persone non solo si travestono con abiti coloratissimi (ma dove il nero non manca mai) e si truccano in modo vivace da teschi per rappresentare i loro defunti tornati in vita, ma costruiscono anche altari privati, chiamati ofrendas, per i loro cari.

Questi altari, oltre ad essere particolarmente ricchi, vengono usati per presentare offerte, come zucchero, tequila, dolci e persino sigarette e giocattoli, ai defunti.

 

2.Irlanda: Samhain

Halloween, al contrario di quello che si pensa comunemente, non è una festa arrivata dagli Stati Uniti, ma una celebrazione moderna che affonda le sue radici nella festività di Samhain, che ogni 31 ottobre viene festeggiata in tutta l'Irlanda, in Scozia e anche in alcune regioni dell'Inghilterra.

Questa ricorrenza, che ha origini celtiche, altro non è che il Capodanno Celtico, che segnava la fine dell'anno vecchio e l'inizio di quello nuovo. E, durante questa notte "magica", le anime dei defunti sono libere di vagare sulla Terra, ma insieme a loro, ci sono anche i demoni e gli spiriti più dispettosi e malvagi e, per questo motivo, gli irlandesi intagliano una zucca (chiamata Jack O Lantern), o delle rape, in cui mettono candele accese per tenerli lontani e impedire che infestino le loro case.

La sera del 31 ottobre, ma anche in giornata, gli irlandesi, così come fanno molti europei la sera del 31 dicembre, sparano fuochi d'artificio, organizzano falò e, anche se a qualcuno potrebbe sembrare "molto superstizioso", mangiano una torta di frutta che, a seconda degli oggetti che si trovano al suo interno (bottoni, monete e addirittura anelli), predice se l'anno nuovo sarà ricco sul piano finanziario, se ci si sposerà o se ci saranno sfide da superare.

A Londonderry (Irlanda del Nord) si tiene anche il più grande Carnevale d'Halloween d'Europa - il Banks of the Foyle - che offre di tutto, da una parata mostruosa ad una casa stregata interattiva.

 

3.Nepal: Gai Jatra

Chiamato anche Festival delle Mucche, il Gai Jatra si svolge in Nepal tra agosto e settembre e ha lo scopo di ricordare tutti i propri cari che sono morti durante l'anno.

Le famiglie che hanno perso un parente devono partecipare ad una processione, che si svolge a Katmandu, durante la quale portano una mucca (o, se non ne possiedono una perché sono troppo povere, un ragazzo travestito da mucca).

I nepalesi credono che la mucca, che in molte regioni dell'Asia è considerata un animale sacro (in India ucciderne una è considerato un reato punibile con la condanna a morte), guidi i defunti più velocemente lungo la strada del Paradiso.

 

4.Portogallo: Pao por Deus

Il dolcetto o scherzetto non è tipico della cultura portoghese, ma nonostante questo, nel cattolicissimo Portogallo c'è una tradizione che lo ricorda e che si svolge ogni primo novembre, giorno di Ognissanti.

I bambini, la mattina del primo novembre e senza costumi, vanno di porta in porta e, quando i vicini chiedono perché sono lì, gridano "Pao por Deus" (Pane per Dio).

I vicini allora danno loro pane, piccoli giocattoli oppure caramelle.

 

5.Austria: Kürbisfest im Retzer Land

In Austria non solo Halloween viene celebrato più tardi, ma la zucca ha anche un suo festival: il Kürbisfest di Retzer.

L'11 novembre, in tutta l'Austria, viene festeggiato il giorno di San Martino, durante il quale le persone si travestono e partecipano a processioni in costume portando lanterne.

Gli austriaci credono che, se si lascia fuori dalla porta di casa una lanterna accesa, del pane e dell'acqua, le anime dei loro cari defunti verranno a visitare la loro casa durante quella particolare notte.

 

6.Nigeria: Odo Festival

L'Africa, anche se non si direbbe, ha un rapporto molto controverso con il moderno Halloween.

Se, da una parte, soprattutto in Sud Africa, lo si festeggia come negli Stati Uniti e in Australia, dall'altra ci sono ancora molte persone, anche appartenenti alla cosiddetta "comunità nera", che non lo vedono di buon occhio, sia perché arriva da un paese a detta loro "colonizzatore", sia perché, nella cultura africana, le streghe non solo sono considerate reali e non figure di cui prendersi gioco, ma spesso le ragazze, o le donne, ritenute tali vengono ancora uccise in modo barbaro.

A sorpresa però in Nigeria, ogni due anni, si tiene l'Odo Festival, una celebrazione per onorare i defunti che si svolge da dicembre ad agosto, durante il quale non solo si crede che i morti tornino a camminare sulla Terra tra i vivi, ma vengono festeggiati con danze, canti, costumi colorati e offerte di cibo.

 

7.Grecia: Apokrias

In Grecia Halloween viene celebrato dagli espatriati e dai turisti nei bar e negli hotel, ma i greci hanno una festa tradizionale che gli si avvicina molto: l'Apokrias, che si tiene a febbraio, durante la quale i bambini si travestono e chiamano i propri amici per vedere se riescono ad indovinare la loro identità.

Dolci come torte e caramelle vengono anche distribuiti nelle piccole e nelle grandi città in occasione di cortei e di parate. I greci hanno anche una ricetta a base di zucca che preparano durante questo periodo: la torta di zucca greca, chiamata kolokythopita.

 

8.Repubblica Ceca: una sedia per chi non c'è più

In Repubblica Ceca, come accade in molte nazioni che fanno parte dell'Europa Orientale, Halloween non viene celebrato, preferendogli la ben più "cattolica" Festa di Ognissanti, ma c'è una tradizione ugualmente curiosa e che riguarda i defunti.

La notte del 31 ottobre le famiglie si radunano intorno al fuoco del camino, o al tavolo da pranzo, e, per ogni membro vivente della famiglia che è presente, lasciano una sedia che invece rimane vuota.

Queste sedie vuote, secondo una credenza risalente a diversi secoli fa, la sera del 31 ottobre vengono utilizzate dai defunti mentre visitano i propri familiari sulla Terra.

In Estonia invece, al contrario di quello che succede negli altri paesi europei, il 1 novembre è considerato il giorno più spaventoso dell'anno, perché i fantasmi si recano nelle chiese per assistere alla messa celebrata da un prete fantasma. Per questo motivo le persone, per evitare incontri "paurosi", preferiscono recarsi in chiesa il 31 ottobre o il 2 novembre.

In Polonia, il 31 ottobre e il 1 novembre, le finestre e le porte delle case vengono lasciate aperte per permettere ai defunti di visitare le loro famiglie.

 

9.Inghilterra: il Souling

Anche se l'Irlanda è conosciuta per essere la culla di Halloween, il dolcetto o scherzetto è indubbiamente una tradizione che arriva dall'Inghilterra.

Il 31 ottobre le famiglie inglesi preparano delle piccole torte, le souls, da distribuire la sera stessa. Oltre a questo, per guidare le anime alla porta delle loro case, aprono le finestre e accendono candele in tutta la casa.

Questa tradizione è conosciuta come souling e, in quei giorni, i bambini vanno di porta in porta a cantare canzoni e a recitare preghiere per i morti per ricevere una di queste tortine. Halloween in Inghilterra è davvero suggestivo, è uno di quei giorni che sopratutto i più giovani aspettano con ansia tutto l'anno.

 

10.Danimarca: Fastelavn

Nonostante in Danimarca i negozi stiano facendo di tutto per spingere Halloween, i danesi preferiscono celebrare Fastelavn, che è molto simile perché i bambini si travestono e vanno di porta in porta.

Durante queste passeggiate in notturna, i bambini cantano e colpiscono il gatto con la canna, una specie di pentolaccia a forma di gatto che, quando la si colpisce, lascia cadere caramelle (una volta si usava un gatto vero, mentre adesso questa tradizione, per la gioia di tutti gli amanti degli animali, è stata abbandonata).

In seguito viene incoronato il principe gatto, il re e la regina. Il principe è il primo bambino che è riuscito a fare un buco nella pentolaccia, il re è quello che è riuscito a far cadere tutte le caramelle e la regina l'ultima bambina ad aver colpito il gatto con il suo bastone.

In passato questa festività celebrava la fine del digiuno quaresimale. Oggi i danesi non lo fanno più, ma hanno deciso di mantenere comunque il Fastelavn.

Come avrai capito dunque Halloween nel mondo viene vista e festeggiata in modi anche molto diversi tra loro. Festeggia con noi la festa più mostruosa dell'anno: dal 31 ottobre al 3 novembre 2019, solo su CodiceRisparmio, i nostri partner ti aspettano con tanti codici sconto e promozioni da brivido, visita subito dunque la speciale sezione dedicata ad Halloween.

Aggiungi un commento

I numeri di CodiceRisparmio

Negozi attivi su CodiceRisparmio
676
negozi
Codici attivi su CodiceRisparmio
2726
codici sconto e offerte
Codici attivati su CodiceRisparmio
63
codici sconto attivati oggi
Codici sconto esclusivi su CodiceRisparmio
9
codici sconto esclusivi