Museo Louvre, aneddoti e curiosità


10 August 2023 | Beatrice D. | Guide e recensioni
museo louvre

Il Museo del Louvre, situato nel cuore di Parigi, è senza dubbio uno dei musei più importanti e famosi di sempre. Ogni anno attira milioni di visitatori affascinati dalla sua imponente architettura e dalla collezione di opere d'arte eccezionale che ospita. Secondo il The Art News Paper, il Louvre ha infatti confermato il suo primato accogliendo, nel 2022, oltre 7 milioni di visitatori e superando i musei vaticani, che occupano il secondo posto nella classifica dei musei più visitati al mondo. Nonostante la sua grande popolarità, pochi sanno che il Musée du Louvre ha una storia affascinante e che, nei secoli, questa struttura svolse compiti molto diversi rispetto al suo attuale ruolo di museo.

In questo articolo, esploreremo le origini dell'edificio, la sua trasformazione da fortezza a residenza reale e, infine, a uno dei musei dal valore più inestimabile del pianeta. Scopriremo anche alcune curiosità sui personaggi chiave che contribuirono alla sua costruzione e che vissero in prima persona la sua evoluzione, e daremo consigli utili per le prenotazioni.

Il Louvre, un museo dal valore inestimabile

La collezione del Louvre vanta oltre 380.000 oggetti, tra cui dipinti, sculture, antichità e manufatti storici. 

Tra le sue opere più celebri figurano La Gioconda di Leonardo da Vinci, La Libertà che guida il popolo di Eugène Delacroix e la statua di Venere di Milo di Alessandro di Antiochia.

Ciò che rende il Louvre un museo di incredibile prestigio è la sua eccezionale diversità e profondità di opere. Coprendo una vasta gamma di epoche storiche e movimenti artistici, il Louvre offre, di fatto, una panoramica completa dell'evoluzione dell'arte nel corso dei millenni. Ogni sala del museo può essere considerata una finestra unica sul passato, che permette ai visitatori, attraverso l’arte, di immergersi completamente nella storia dell’umanità.

Le origini del Louvre

Il 10 agosto del 1793 - ben 230 anni fa - Napoleone Bonaparte adibì il Palazzo del Louvre a museo aperto al pubblico, affinché contenesse le opere d’arte della sua giovane Repubblica e rappresentasse il centro nevralgico di una nuova era in cui Parigi avrebbe ricoperto il ruolo di indiscussa capitale delle arti.

L’inaugurazione avvenne in occasione della celebrazione del primo anniversario della Repubblica Francese e, nel novembre dello stesso anno, il Louvre ottenne ufficialmente il titolo di Muséum central des arts de la République.

Ma, com’è ovvio, il Louvre non è sempre stato un museo. La prima serie di costruzioni attribuita alla nascita del Louvre viene collocata nel XII secolo, quando Parigi dovette difendersi dalle incursioni normanne. 

Sotto il regno di Filippo II, quindi, la posizione strategica sulle rive della Senna e la solida architettura resero il Louvre un baluardo impenetrabile, costruito per proteggere la città dalle invasioni nemiche. 

Oggi, i resti della fortezza si trovano sotto il Palazzo del Louvre.

Il Louvre da Fortezza a Residenza Reale

Nel corso dei secoli, il Palazzo del Louvre subì diverse trasformazioni.

Tra il 1364 e il 1380, Carlo V di Francia ordinò la trasformazione della fortezza in un castello. Sotto l'architetto Raymond du Temple, la fortezza fu dunque trasformata in una residenza reale, caratterizzata da un’enorme biblioteca.

Negli anni a seguire, però, i monarchi di Francia scelsero di vivere altrove.

Durante il regno di Francesco I, il castello venne demolito nell’ottica di una ricostruzione, stavolta in stile rinascimentale. Il progetto fu interrotto dalla morte del re, ma fu presto ripreso dal figlio, Enrico II, che commissionò alcune modifiche rispetto alle richieste mosse precedentemente dal padre.

A seguire, Luigi XIII apportò alcune aggiunte al palazzo; mentre Caterina de Medici, sua vedova, suggerì la costruzione del Palazzo delle Tuileries e progettò un giardino esterno, a lei riservato. 

Nel 1610, il re Enrico IV costruì la Grande Galerie, nonché un collegamento tra il Palais du Louvre e il Palais des Tuileries.

Nel 1682, sotto il regno di Luigi XIV, il Louvre divenne la residenza ufficiale del monarca assoluto francese. Tuttavia, anche stavolta, la sua funzione di residenza reale durò pochissimo.

Nel 1683, venne infatti inaugurata la reggia di Versailles dove si trasferirono il re e i nobili francesi; così il Louvre perse gradualmente la sua rilevanza politica.

Curiosità sui Personaggi Chiave del Louvre

Il Louvre ha accolto moltissime figure che sono passate alla storia. Eccone alcune:

  1. Luigi XIV - il Re Sole
    Luigi XIV, noto anche come il Re Sole per l’aura di assolutismo che caratterizzò la sua monarchia, fu uno dei re più importanti della storia della Francia. Come accennato, durante il suo regno, decise di trasformare il Louvre nella sua residenza reale, anche se per poco. Il sovrano lasciò un'eredità duratura nella storia dell'arte, essendo un mecenate di numerosi artisti di spicco dell’epoca.
     
  2. Napoleone Bonaparte - Il Collezionista d’Opere
    Durante le sue campagne militari, Napoleone saccheggiò numerosi paesi, portando al Louvre opere d'arte preziose e antichità provenienti da tutto il mondo. Anche se molte di queste opere furono in seguito restituite, il museo ospita, ancora oggi, alcune delle collezioni più straordinarie che Napoleone accumulò durante il suo regno.
     
  3. La Regina Margherita di Valois - L’Eclettica Collezionista
    La regina Margherita di Valois, moglie di Enrico IV di Francia, fu una grande appassionata d'arte. Durante la sua permanenza al Louvre, raccolse una vasta collezione di opere che riflettevano il suo eclettico gusto artistico. La sua passione per l'arte influenzò significativamente l'evoluzione della collezione del museo.

Le Opere Più Iconiche del Louvre

Come anticipato, il Louvre custodisce centinaia di migliaia di opere: alcune di queste, ricoprono il ruolo di protagoniste nelle pagine dei libri di Storia dell'Arte. Ecco alcune di queste:

  1. La Gioconda di Leonardo da Vinci
    La Gioconda, o Monna Lisa, è indubbiamente l'opera più celebre ospitata al Louvre. Dipinta da Leonardo da Vinci nel XVI secolo, questa enigmatica opera d'arte continua ad affascinare e intrigare milioni di visitatori ogni anno. Merito anche del celeberrimo furto di cui è stata oggetto, nello scorso secolo, incrementandone l’aura di fascino e di mistero. Il furto della Gioconda avvenne nel 1911, quando un impiegato italiano, Vincenzo Peruggia, nascose il quadro sotto i vestiti e lasciò la Francia, senza essere notato. La Gioconda rimase dispersa per due anni. Poi, nel 1913, quando Peruggia tentò invano di vendere l’opera a un mercante d’arte italiano, la polizia francese riuscì a recuperarla. L'azione del ladro venne spesso interpretata come il tentativo di restituire l'opera al suo paese d’origine, l’Italia.
     
  2. La Libertà che Guida il Popolo di Eugène Delacroix
    Realizzato da Eugène Delacroix nel 1830, questo dipinto è diventato un simbolo della Rivoluzione Francese e degli ideali di libertà, uguaglianza e fratellanza. Nel dipinto, una figura allegorica della Libertà che guida il popolo durante le barricate di Parigi si erge sui corpi dei cadaveri, sventolando la bandiera francese. La sua rappresentazione fisica ricorda un'altra opera ospitata al Louvre, la Venere di Milo.
     
  3. Venere di Milo
    La statua di Venere di Milo, scolpita nel II secolo a.C., è un capolavoro dell'arte ellenica. Conosciuta anche come Afrodite di Milo, la statua, è stata realizzata in marmo pario ed è alta circa due metri. Considerata l’ideale universale di bellezza femminile, l'opera è stata attribuita ad Alessandro di Antiochia, che la scolpì nel 130 a. C., e ritrovata solo nel 1820, a opera di un contadino dell’isola di Milos, Yorgos Kentrotas.

Dove acquistare i Biglietti per l'ingresso al Louvre

Per chi desidera visitare il Museo del Louvre, l'acquisto del biglietto può essere effettuato presso le casse della biglietteria del museo, oppure online direttamente dal sito ufficiale del museo; è infatti consigliabile prenotare i biglietti in anticipo per evitare lunghe code, specialmente durante i periodi di maggiore affluenza turistica. Oltre alla prenotazione dei biglietti validi per la visita, nello shop online del Museo Louvre di Parigi è possibile acquistare anche souvenir e numerosi articoli da regalo.

Conclusioni

Le Louvre rappresenta un'esperienza culturale imperdibile per chiunque decida di visitare Parigi. Oltre a ospitare alcune delle opere d'arte più celebri al mondo, il Louvre ha una storia affascinante e unica. Dall'umile fortezza medievale, alla magnifica residenza reale e, infine, al museo di inestimabile valore che conosciamo oggi, il Louvre continua a essere un simbolo di cultura, arte e storia per l'intera umanità. E per gli appassionati di arte e cultura, c'è Il Tuo Ticket, il servizio che permette di acquistare biglietti online a prezzi molto più bassi rispetto a quelli standard.


icona-beatrice Autore articolo: Beatrice D.

Aggiungi un commento

I numeri di CodiceRisparmio

Sconti negozi
1711
negozi
Codici promozionali
8048
codici sconto e offerte
Buoni sconto
870
codici sconto attivati oggi
Coupon sconto esclusivi
44
codici sconto esclusivi
logo CodiceRisparmio
© 2024 | tutti i diritti riservati | credits | P.IVA 02513210977 - I marchi ed i loghi sono di proprietà esclusiva dei legittimi proprietari.