Come pulire il condizionatore


8 July 2020 | Guide e recensioni
Come pulire il condizionatore

Il tuo condizionatore è il motivo principale per cui la tua casa, man mano che l'estate avanza e le temperature iniziano a farsi più bollenti, diventa un'oasi di riposo e di relax, dove goderti il fresco (e un buon sonno ristoratore) mentre fuori si suda e si boccheggia per il caldo.

Tuttavia, con il passare del tempo, potresti notare che il tuo condizionatore, a differenza del primo giorno in cui lo hai comprato e messo in funzione per la prima volta, ci impiega molto di più per garantirti un ambiente fresco e in cui poter respirare.

Nello stesso modo, se disponi di un sistema di riscaldamento, di ventilazione e di aria condizionata incorporato nello stesso apparecchio (HVAC), durante il prossimo inverno potresti metterci un po' di più prima di avere una casa calda e confortevole.

Come pulire il condizionatore: perché è importante?

La pulizia è un momento importante della manutenzione del condizionatore, perché consente di mantenere in salute l'apparecchio e far sì che duri più a lungo.

Ciò si traduce anche in un numero minore di riparazioni, di telefonate ad un professionista esperto per richiedere il suo immediato intervento (con conseguente risparmio di svariate banconote da cinquecento euro) e, non da ultimo, in una diminuzione della fattura mensile per la corrente elettrica.

Come pulire il condizionatore in modo corretto però? Iniziamo con il dirti che ci vuole tempo, pazienza e precisione, ma che alla fine i tuoi sforzi saranno ripagati con un miglioramento delle prestazioni del tuo apparecchio.

 

Come pulire il climatizzatore di casa: consigli utili

Prima di mostrarti come pulire la tua unità per l'aria condizionata AC, ecco alcuni consigli preliminari, che dovrai tenere a mente prima di affrontare la pulizia del tuo condizionatore:

  • Questo processo richiede tempo. Se vuoi fare un ottimo lavoro, ti occorrerà almeno mezza giornata, quindi, a meno che tu non sia in vacanza dal lavoro o dalla scuola, idealmente dovresti programmare la pulizia del condizionatore per il sabato mattina (in maniera da finire poi, al più tardi, il sabato pomeriggio e da avere il sabato sera e la domenica liberi).
  • Ricordati che la pulizia del condizionatore non è così scontata, perché ci sono alcuni passaggi che richiedono molta precisione. Se però non sei sicuro della tua manualità, anche se potrebbe costarti di più, ti consigliamo di chiamare un professionista, perché troppa fiducia nelle tue capacità potrebbe portarti a causare danni ben più costosi (o a costringerti, nei casi peggiori, a mettere mano al portafoglio e ad acquistare un nuovo condizionatore).
  • Per completare la pulizia, potresti aver bisogno di acquistare alcuni strumenti specifici (e pensati apposta) per la pulizia del condizionatore.

Da ultimo, ma non meno importante: se il tuo condizionatore è particolarmente sporco, oppure usurato, anche in quel caso è meglio richiedere l'aiuto di un esperto.

 

Bobine del condensatore e bobine dell'evaporatore: differenze

Tutti i condizionatori sono formati da una componente interna e da una componente esterna e, ognuna di esse, contiene un diverso tipo di bobina che devi pulire.

Nella parte interna si trovano le bobine dell'evaporatore. Queste bobine sono generalmente realizzate in rame, che è un ottimo conduttore, e contengono un liquido refrigerante.

Le bobine assorbono il calore, mentre l'aria calda ci passa sopra e il refrigerante evapora fino a raggiungere lo stato gassoso.

Da lì il refrigerante trasferisce l'aria calda all'unità esterna, dove passa attraverso il compressore alla batteria del condizionatore.

A questo punto il compressore riporta il refrigerante allo stato liquido. La batteria del condizionatore quindi rilascia il calore nell'aria circostante tramite il supporto di una ventola di scarico.

Per pulire bene il tuo condizionatore, dovrai lavorare sia sui componenti interni che su quelli esterni dell'unità.

 

Come pulire l'interno del condizionatore

  • Spegni l'alimentazione del condizionatore: i condizionatori hanno molte parti mobili e, poiché la sicurezza è fondamentale, è necessario spegnere la scatola del demolitore. Ciò significa che non avrai alcuna luce, motivo per cui è preferibile fare la pulizia del condizionatore quando c'è molta luce solare. Tuttavia, se l'unità interna si trova in una parte buia, come l'attico, dovrai organizzare un'illuminazione adeguata.
  • Apri l'unità CA: l'unità soffiante avrà una porta sulla serpentina dell'evaporatore. A seconda del modello del tuo condizionatore, potrebbe essere necessario rimuovere il nastro isolante. Spesso ci sono alcuni bulloni o viti che tengono la porta in posizione.
  • Pulisci le bobine dell'evaporatore: se hai una spazzola morbida, usala per rimuovere la polvere dalle bobine. Questa polvere sarà composta da tutte le particelle che si possono trovare in una casa, come cellule morte e polline, quindi se sei soggetto ad allergie, ti consigliamo di indossare la maschera. Il miglior modo per pulire le bobine è quello di acquistare un detergente per bobine, senza risciacquo, in un e-commerce di articoli per la casa, come Casa Henkel. Questo spray si espande, poi gocciola nella vaschetta di drenaggio dell'unità, portando con sé lo sporco e la polvere. Spruzza la schiuma il più uniformemente possibile e mettila in tutte le piccole aree che non puoi raggiungere a mano. Per quanto riguarda il momento migliore per pulire le bobine, l'ideale sarebbe farlo in una giornata calda, in maniera che quando si riaccende l'unità, la condensa AC risciacqua le bobine da sola.
  • Pulisci la vaschetta di drenaggio: una volta che la pulizia delle bobine è conclusa, passa alla vaschetta di drenaggio. Il sapone e l'acqua calda sono un buon punto di partenza, mentre la candeggina ti aiuterà a disinfettarla. Se desideri una soluzione a lungo termine per evitare che le alghe ricrescano, puoi acquistare delle tavolette per le vaschette drenaggio CA nella maggior parte degli e-commerce di ferramenta e di articoli per la casa.
  • Svuota lo scarico del condizionatore se è collegato: se la candeggina passa facilmente nello scarico, puoi saltare questo passaggio. Se invece è lenta, vuol dire che lo scarico potrebbe essere ostruito. Senza una regolare pulizia, seguita dalla relativa manutenzione, muffe e alghe possono accumularsi nello scarico. Di solito è un tubo in PVC largo circa due centimetri, quindi non ci vuole molto perché si intasi. Lo scarico può terminare all'esterno oppure fuoriuscire in un lavandino o in uno scarico nel seminterrato. Segui lo scarico per vedere dove finisce e porta con te un tubo di aspirazione. Trovato lo scarico, prendi il tubo di aspirazione, poi tienilo fermo fino alla fine del drenaggio. Puoi prevenire le eventuali perdite tenendo un asciugamano intorno allo spazio. Se desideri una tenuta più stretta, canalizza il tutto e drenalo insieme. Accendi il tubo di aspirazione, poi lascialo attivo per due-tre minuti per eliminare gli eventuali residui. 
  • Chiudi il pannello di accesso AC: utilizzando le stesse viti estratte all'inizio della procedura, ricollega il pannello di accesso. Se disponi di un nastro di metallo HVAC, utilizzalo per sigillare la parte superiore e inferiore del pannello di accesso. Non coprire l'etichetta con il nome del produttore, perché un tecnico potrebbe averne bisogno in futuro per eseguire la manutenzione o effettuare eventuali riparazioni dell'unità.

 

Come pulire l'esterno del condizionatore

La pulizia dell'unità esterna e delle relative bobine del condensatore richiede più lavoro rispetto alla parte interna dell'unità. Poiché è costantemente esposta agli elementi, alla polvere e al polline, questa parte del sistema si sporca molto più in fretta.

Avrai anche bisogno di attrezzature più specifiche per pulirla. Seguendo però questi passaggi, potrai pulire facilmente la parte esterna del tuo condizionatore e mantenerla al meglio delle performance:

  • Scollega e rimuovi la griglia CA: ancora una volta, assicurati che l'alimentazione del condizionatore sia completamente spenta. Prima di iniziare, per facilitarti nell'impresa, puoi rimuovere la corrente elettrica tramite la scatola di disconnessione esterna. Fatto questo, rimuovi le viti che si trovano sulla parte esterna dell'unità, poi solleva la ventola e la griglia.
  • Rimuovi i detriti dal condizionatore: a seconda del modello della tua unità, ci sarà una quantità variabile di detriti nella parte inferiore del condizionatore. I modelli entry-level di solito non dispongono di protezioni che impediscono ai detriti di attraversare la parte superiore dell'unità del ventilatore, quindi potresti trovare foglie, rametti, semi e persino sassolini nella padella inferiore. Puoi raccogliere i detriti a mano oppure puoi usare il tuo tubo di aspirazione per svuotare tutto.
  • Pulisci le bobine e le alette CA: imparare a pulire le bobine del condensatore CA è semplice. Per farlo, avrai bisogno di un detergente pensato appositamente per le bobine, che puoi trovare in qualsiasi e-commerce di articoli per la casa. Attenzione: questo detergente è molto caustico, quindi non usarlo sulle bobine interne e, quando lo usi, proteggiti sempre con occhiali protettivi e guanti, e tienilo fuori dalla portata dei bambini e degli animali domestici. Mescolalo o diluiscilo come da istruzioni, poi versarlo in uno spruzzatore a pompa e spruzzalo sulle bobine esterne. Lascialo agire qualche secondo, poi lavalo subito via. Non usare un'idropulitrice per questo compito, perché le alette sono molto delicate e potrebbero rompersi con la pressione.
  • Raddrizza le alette del condizionatore: le alette piegate riducono il flusso d'aria, quindi questo passaggio è fondamentale per mantenere l'efficienza. Il modo migliore per procedere è acquistare uno strumento per alette. Questi kit economici hanno denti che ti permettono di pulire un certo numero di alette a centimetro. Tutto quello che devi fare è spazzolare con cura le alette della tua unità.
  • Fai pulizia intorno all'unità CA: rimetti al suo posto la gabbia della ventola e fissale con le viti che hai estratto in precedenza. Assicurati che l'area intorno all'unità sia completamente libera, in maniera da avere un flusso d'aria ottimale.
  • Livella l'unità del condizionatore: la sporcizia potrebbe depositarsi sotto l'unità e causarne il ribaltamento. Se l'unità del condizionatore rimane fuori livello troppo a lungo, potrebbe guastarsi prima del tempo e portare a costose riparazioni. Se trovi che il condizionatore non sia in piano, usa degli spessori per correggerlo e portarlo dove dev'essere.

 

Come pulire il filtro del condizionatore

Se stati cercando un modo per pulire il filtro del condizionatore, sei arrivato nel posto giusto. Le unità di condizionamento centrali spesso hanno filtri che devono essere sostituiti anziché puliti, quindi se hai intenzione di pulire il filtro di un'unità di grandi dimensioni, dovresti controllare prima il manuale delle istruzioni per assicurarti che la pulizia del filtro sia effettivamente un'opzione da considerare. La rimozione del filtro varia in base all'unità, ma i passaggi per la pulizia sono sostanzialmente gli stessi:

  • Aspira il filtro CA: per una manutenzione regolare, l'aspirazione è tutto ciò che devi fare. Utilizza un accessorio senza pennello, perché ciò potrebbe danneggiare il filtro. Fai scorrere l'ugello dell'aspirapolvere su e giù per il filtro. Non spingere troppo forte il filtro durante l'aspirazione, perché finiresti per ammaccarlo o per strapparlo.
  • Immergi il filtro CA: riempi la vasca da bagno, o un altro contenitore di grandi dimensioni, con acqua a temperatura ambiente. Aggiungi un po' di detersivo normale, poi mescola bene e immergi il filtro. Assicurati che sia completamente sommerso, poi lascialo riposare per 10-15 minuti. Non usare spazzole o altri strumenti abrasivi sul filtro, perché potresti danneggiarlo.
  • Spruzza il filtro CA: se il filtro è molto sporco, spruzza il filtro con una soluzione di acqua calda, aceto e bicarbonato. Lasciala agire per 10 minuti, dopodiché sciacqua per bene il filtro sotto l'acqua corrente.
  • Asciuga il filtro CA: i filtri CA devono asciugare all'aria e, prima che siano completamente asciutti, possono essere necessarie alcune ore. Appoggia il filtro su alcuni giornali aperti e, una volta trascorse almeno tre ore, potrai reinstallarlo nel condizionatore.

 

Quanto costa un condizionatore e dove acquistarne uno

I prezzi dei condizionatori, a seconda del modello e della ditta produttrice, possono variare molto: in commercio possiamo trovare apparecchi che partono dai 120 euro fino ad arrivare ai "big boss" professionali, ed efficienti, che possono raggiungere i 700 euro.

Se stai cercando un condizionatore che sia capace di combattere la calura estiva, ma che nello stesso tempo sia dotato di un ottimo rapporto qualità prezzo, fino al 15 luglio 2020 Monclick, il nostro partner, ti regala uno SCONTO 40% MONCLICK CONDIZIONATORI che ti darà la possibilità di acquistare il condizionatore dei tuoi sogni ad un prezzo interessante (e scontato fino al 40%!) e pressoché introvabile nella maggior parte dei negozi tradizionali di climatizzatori.

Lo stesso e-commerce vende anche filtri per condizionatori che ti ricordiamo vanno sanificati di tanto in tanto oppure, dopo qualche anno, sostituiti.

Approfittane ora per goderti un'estate rinfrescante e notti tranquille e riposanti.

Aggiungi un commento

I numeri di CodiceRisparmio

Negozi attivi su CodiceRisparmio
738
negozi
Codici attivi su CodiceRisparmio
3525
codici sconto e offerte
Codici attivati su CodiceRisparmio
81
codici sconto attivati oggi
Codici sconto esclusivi su CodiceRisparmio
18
codici sconto esclusivi