Vacanze Romane: come organizzare un tour della Città Eterna


21 August 2023 | Federica D.S. | Guide e recensioni
vacanze romane film

"In questi giorni di città ne ho visitate tante...ma la mia preferita è di sicuro stata Roma!"

Queste sono le famose parole che Anna, o per meglio dire Audrey Hepburn, recita nel celebre film “Vacanze Romane” uscito nelle sale il 27 agosto 1953.

Riconosciuta a livello mondiale per la quantità di ricchezze del territorio, storiche e culinarie, la città Eterna garantisce al turista scenari da favola e un’incredibile esperienza immersiva nella storia e nell’arte di uno degli Imperi più grandi mai esistiti al mondo.

Organizzare un tour per Roma, magari accompagnati da una simpatica amica a due ruote, è decisamente emozionante. Armati di scarpe comode, pazienza e voglia di stupirsi è giunto il momento di accendere i motori e lasciarsi trasportare fin dentro il "còre de' acapitale".

Vacanze Romane film: la trama 

Diretto da William Wyler, Vacanze Romane è un film del 1953 interpretato dagli attori Audrey Hepburn e Gregory Peck.

Il film racconta la storia della principessa Anna – Audrey Hepburn – in visita ufficiale a Roma. Stanca dei doveri reali e delle restrizioni imposte dalla sua posizione, Anna, dopo un crollo nervoso, sceglie di fuggire dal palazzo ed esplorare la città in incognito.

Per via del sonnifero somministratole dal medico di corte, viene ritrovata semicosciente su una panchina dal giornalista Joe Bradley – Gregory Peck, il quale, vedendo la ragazza in uno stato catatonico, decide di ospitarla a casa sua.

Il giorno successivo, il giornalista, recandosi nella sede della redazione del giornale per cui lavora, scopre che la bella ospite in realtà è la principessa. Preso dall'entusiasmo promette al suo capo un'articolo esclusivo.

Ingaggiato il suo amico fotografo Irving Radovich - Eddie Albert – pianifica un tour per la città insieme ad Anna, facendo finta di essere una guida turistica, il tutto al fine di ottenere le foto necessarie e l’intervista esclusiva promessa al suo editore.

Nella magica Roma, visitando i monumenti e luoghi più belli della città, i due si innamorano. Vacanze romane si conclude con Anna che, scoperta la verità, decide di tornare al suo dovere e al suo ruolo ufficiale.

Durante la conferenza stampa di fine film la principessa, scesa dal trono per salutare i giornalisti, riceve da Irving le foto della sua “Roman Holiday” e saluta Joe con un ultimo sorriso silenzioso.

Il film è una deliziosa commedia romantica incorniciata in una Roma affascinante e sentimentale. Ormai considerato un classico, Vacanze Romane ha riscosso fin da subito grande successo ottenendo diversi premi dalla critica tra cui l’Oscar per migliore attrice a Audrey Hepburn.

Luoghi da visitare a Roma in 2 giorni 

La pellicola Vacanze Romane costituisce una vera e propria vetrina su Roma, portando sul grande schermo tutti i luoghi d’arte della città.

Visitare Roma in 2 giorni non è un’impresa impossibile sebbene la città abbia bisogno di minimo 3 o 4 giorni per essere girata. Fatta questa premessa, con l’aiuto di Audrey e Gregory, possiamo prendere ispirazione e decidere i luoghi più belli da non perdersi assolutamente!

La capitale d’Italia è uno scrigno di tesori e meraviglie ma alcuni di questi valgono decisamente il viaggio, anche perchè “tutte le vie portano a Roma”.

Il Colosseo 

Simbolo per eccellenza di Roma, il Colosseo è l’anfiteatro romano più grande esistente al mondo. Inserito nella lista dei Patrimoni dell’Umanità dell’UNESCO nel 1980, è l’unico monumento europeo inserito anche fra le “Nuove sette meraviglie del mondo”.

Tappa obbligatoria del viaggio a Roma, la visita al Colosseo attira milioni di turisti ogni anno e conoscerne i trucchi è fondamentale.

Importante e primo fra tutti, l’acquisto online dei biglietti per evitare code lunghe anche qualche ora. Sempre per lo stesso motivo e, per evitare il sole cocente della città, cercare di arrivare la mattina presto preferibilmente all’apertura dei cancelli.

In fase di acquisto del biglietto è possibile scegliere fra visite guidate e tour specifici per esplorare in ogni sua parte il Colosseo.

Il consiglio è quello di non perdersi l’occasione di visitare i sotterranei, l’arena e la famosa Porta dei Gladiatori, il tutto accompagnati da una guida esperta che permetta di immergersi a pieno nella storia romana.

Il Pantheon 

Altro edificio “colossale” e ricco di storia che necessita assolutamente di essere visitato è il Pantheon. Dalle sue origini antichissime, si attesta la costruzione tra il 27 e il 25 a.C. dal console Agrippa, il Pantheon ad oggi è una basilica consacrata alla professione della religione cattolica.

Pieno di leggende e di un’incredibile architettura, l’ingresso al Pantheon è consentito solo tramite biglietto.

Acquistabile online sulla piattaforma del Ministero o direttamente alla cassa presso il monumento, consigliamo anche un tour guidato oppure un'audio-guida per scoprire tutti i segreti della struttura.

Essendo considerata a tutti gli effetti una basilica, è possibile partecipare alla Santa Messa celebrata sabato e giorni prefestivi alle ore 17.00 e domenica e giorni festivi alle 10.30.

Città del Vaticano 

Punto di ritrovo di ogni fedele al mondo e degli appassionati di storia d’arte, la Città del Vaticano, apre le porte alla Basilica di San Pietro e ai Musei Vaticani.

Da visitare assolutamente di sabato (la domenica è chiuso) preferibilmente la mattina presto, regala alla vista una sensazione da togliere il fiato.

Raggiungibile attraverso la metro “fermata di Ottaviano”, il costo del biglietto di aggira sui 17,00€ intero e sugli 8,00€ il ridotto.

All’interno della Città del Vaticano si trova la meravigliosa “Cappella Sistina” affrescata dal famoso pittore-scultore italiano Michelangelo. Il suggerimento è di acquistare l’audio-guida in modo da conoscere tutti i dettagli e non perdersi interessanti curiosità.

Una volta usciti dai Musei Vaticani, la visita prosegue nella Basilica di San Pietro dove saliti i gradini per arrivare alla cupola è possibile osservare Roma dai suoi 136 metri d’altezza!

Fontana di Trevi 

Roma nelle cartoline? Fontana di Trevi. Situata nel cuore di Roma, la famosa fontana di Trevi è nota per la sua bellezza, maestosità e rappresenta un simbolo di fortuna.

Iconica per il film “La dolce vita”, la Fontana attira ogni anno milioni di turisti pronti a gettare monete nelle sue acque in attesa che si avveri il desiderio espresso.

L’usanza del “lancio della moneta” prevede di mettersi di spalle alla fontana e con la mano destra gettare la moneta sopra la spalla sinistra. Il primo lancio garantisce di tornare a Roma in futuro, la seconda moneta di trovare l’amore e la terza assicura matrimonio oppure divorzio!

Oltre alla Fontana, da visitare assolutamente due volte: la mattina e la sera (quando i turisti iniziano a lasciare libero il monumento), non tutti sanno che sul lato destro esterno si trova anche una piccola vaschetta rettangolare con due rubinetti: la fontana degli innamorati.

Leggenda narra che le coppie che bevono in questa fontana resteranno innamorate e fedeli per sempre.

Altro piccolo extra: visitare “Trevi sotterranea” con un tour guidato all’acquedotto e alla Domus.

Piazza di Spagna 

Piazza centrale e sicuramente più rinomata di Roma, Piazza di Spagna è la via dello shopping e centro di significativi monumenti artistici.

Per raggiungere la piazza è possibile utilizzare i vari mezzi di trasporto, come la Metro A – Fermata Spagna.

Da vedere assolutamente, prima di dedicarsi ad un’intensa sessione di shop souvenir da portare a casa, sono la Fontana della Barcaccia, Scalinata di Trinità dei Monti (ottima per un selfie ricordo!), Obelisco Sallustiano, Chiesa della Trinità dei Monti, Mausoleo di Augusto, Colonna dell’Immacolata e il Keats-Shelley Memorial House.

Per visitare al meglio Roma in un solo fine settimana, in commercio, online e non solo, esistono city cards a prezzi prestabiliti che permettono di “toccare” i punti cardine della città. 

Ristoranti romani 

Carbonara, gricia, puntarelle, supplì, amatriciana, cacio e pepe… la cucina romana è ricca di tradizione e specialità da leccarsi i baffi.

Visitare Roma prevede anche il seguire la “via degli odori, sapori e consistenze” che la storia di questa antica città ha da raccontare.

Lungo la passeggiata che costeggia Trastevere, Rione Monti e Campo de’ Fiori la vista, come il palato, sorridono di fronte a tanta bellezza paesaggistica e ottimi ristoranti tipici.

Prima di raccontare le migliori location-ristoranti dove assaporare la vera cucina tipica del territorio laziale, segue un elenco di piatti con 10 specialità romane a cui non è proprio possibile rinunciare.

  1. Bucatini all’amatriciana
  2. Rigatoni alla carbonara
  3. Tonnarelli Cacio e Pepe (vegetariano)
  4. Gricia
  5. Gnocchi alla romana
  6. Penne all’arrabbiata (vegano)
  7. Carciofo alla giudia (vegano)
  8. Saltimbocca
  9. Supplì
  10. Quinto Quarto

Dove mangiare a Roma: 5 ristoranti assolutamente da provare

La cucina romana è davvero ricca ed in grado di accontentare qualsiasi tipologia di gusto. Nella capitale ci sono migliaia di trattorie e sceglierle con attenzione è fondamentale per scappare dai ristoranti “acchiappaturisti”.

Sora Lella 

Sora Lella è un ristorante di cucina tipica romana che da oltre 80 anni serve gustosi piatti della tradizione: coda alla vaccinara, polpette di nonna Lella e molto altro. Punto di ritrovo per chiunque ami la cucina nostrana del territorio, il ristorante è in via di Ponte Quattro Capi, 16.

Altro punto a favore della trattoria, la possibilità di scegliere un menù per Celiaci tutto a base di piatti senza Glutine.

Osteria Fratelli Mori 

L’Osteria Fratelli Mori si trova in via dei Conciatori 10 e racconta, tramite i propri piatti, la tradizione romana.

L’osteria aperta dal 2004 a gestione familiare e la calda accoglienza si percepisce nel locale. Il menù, oltre a portate classiche come spaghettoni alla carbonara, polpette di bollito e trippa alla romana, offre anche molte varianti di piatti per vegetariani e vegani tra cui il purè di fave e cicoria ed un ottimo tagliere di formaggi.

Trattoria Nannarella 

A due passi da Santa Maria in Trastevere, in Piazza San Callisto, si trova il ristorante trattoria Nannarella.

Questo dal 1930 propone oltre ai classici piatti della tradizione anche una grande varietà di pinse, lievitate 48 ore e preparate con quattro diverse farine BIO.

Da Enzo al 29

Che si chiami “Da Enzo” o “Enzo al 29” la trattoria su via Ostiense è un luogo sacro per coloro che vogliono sostare a Roma mangiando bene e di gusto.

Piatti abbondanti, gestori alla mano e una cucina romana, senza troppi fronzoli, da tradizione sono solo alcuni dei tanti motivi per cui la fermata vale la sosta.

Checchino dal 1887 

Arrivati ormai alla sesta generazione, l’osteria Checchino dal 1887 a Roma regala da tempo piatti romani dimenticati.

Dentro il menù, che si divide in degustazione, vegetariano e storico, è possibile trovare l’insalata di zampi, testina di vitella, stracciatella di brodo, padellotto alla macellara e garofolato di bue.

"Vedo la maestà der Colosseo, vedo la santità der Cuppolone, e so’ più vivo, e so’ più bono, no, nun te lasso mai, Roma capoccia der monno ‘nfame, Roma capoccia der monno ‘nfame", e con le meravigliose parole di Antonello Venditti che vi auguriamo buon soggiorno nella Capitale!


icona-federica-ds Autore articolo: Federica D.S.

Aggiungi un commento

I numeri di CodiceRisparmio

Sconti negozi
1711
negozi
Codici promozionali
8048
codici sconto e offerte
Buoni sconto
926
codici sconto attivati oggi
Coupon sconto esclusivi
44
codici sconto esclusivi
logo CodiceRisparmio
© 2024 | tutti i diritti riservati | credits | P.IVA 02513210977 - I marchi ed i loghi sono di proprietà esclusiva dei legittimi proprietari.